Speck altoatesino

30.03.2010 / postato da Elke

Lo Speck è un prodotto di alta qualità che è ben conosciuto anche fuori dall’Alto Adige.
I nostri nonni non avrebbero mai immaginato che lo Speck diventasse una specialità, visto che per loro era una semplice necessità di conservare per tanti mesi la carne di maiale. Al sud la carne veniva conservata tramite il sale, al nord tramite il fumo. Gli Altoatesini provavano a combinare le due modalità, poco sale, e poco fumo. Di conseguenze lo Speck è un po’ meno dolce del prosciutto crudo mediterraneo, e un po’ più dolce del prosciutto affumicato del nord; una bella via di mezzo.
Già a quei tempi erano quindi percepibili le due polarità del mediterraneo e dell’alpino che hanno trovato la loro simbiosi non solo nello speck.
La vecchia regola del XXII secolo è ancora valida: tanta aria, poco sale e poco fumo. Nel 1996 i parametri di qualità sono stati patentati; la miscela di spezie rimane il segreto del produttore.

E anche domani sera i nostri ospiti potranno gustare lo speck tirolese assieme a cetriolini sotto aceto e barbaforte alle mele. mmm…

Oggi lo speck altoatesino fa parte di una merenda tipica. La combinazione migliore è con il pane contadino alla segale. Mmmmm…
Allora Buon Appetito per la prossima merenda al Plan de Corones sulla terrazza dello Zirm!

Hinterlasse eine Antwort

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind markiert *

Du kannst folgende HTML-Tags benutzen: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>