Berghotel Zirm / Valdaora

Diario del Berghotel Zirm


Phlow-Autor Monika

L’aria migliore e la vista più bella si trova in quota. Amici della montagna lo sapevano da sempre e la scienza l’ha confermato.
Una ricerca dell’AMAS afferma, che un soggiorno in quota tra 1.100 e 2.000 metri sopra il livello del mare si ripercuote in maniera benefica su corpo, anima e salute.
Il Berghotel Zirm si trova su quasi 1.400 m, quindi l’altitudine ideale per la Sua vacanza rigenerante. Una vacanza salutare di 3 settimane nelle montagne può migliorare la salute e il benessere – anche senza attività sportiva. La causa è la pressione d’ossigeno leggermente ridotta in queste zone. Questo influisce in modo positivo su pressione del sangue, glicemia, polso e peso -  simile a vincere nel superenalotto.

Non è solo la bellezza paesaggistica, ma anche il clima speciale della nostra regione che rende la vacanza salutare. Lo clima di media montagna è caratterizzata di un aria limpida e pura. Inoltre le montagne offrono un’ottima possibilità di allenamento: su per la montagna, giù per la montagna. Chi sfrutta il Suo soggiorno per passeggiate lunghe e escu

rsioni in montagna allena organi importanti del proprio corpo. Una semplice camminare in salita allena cuore e il sistema cardiovascolare, lo scendere invece fa bene al senso dell’orientamento, all’equilibrio e alla forza. Tutto in uno.

Un bell’effetto secondario nella vacanza con pensione a ¾: anche con un bel buffet di colazione, una merenda il pomeriggio e una cena a 5 portate il peso rimane stabile. Per un semplice motivo: movimento, aria fresca e buon umore aumentano il livello di attività. Anche l’anima approfitta della vacanza in montagna, perché stress e frenesia non sopravvivono nei nostri boschi. Già dopo pochi giorni di riposo dormirete come un neonato e il benessere personale aumenta.
Una vacanza in montagna è piena di benefici – il nostro team outdoor e noi saremo lieti di essere attivi con Voi!

Vacanza nelle dolomiti

 

scritto da: -



Bookmark and Share



Articoli collegati:

Scrivi un commento